Iscriviti alla nostra Newsletter
Inserisci la tua e-mail e clicca su invia




RAI EDUCATIONAL: 150 ANNI DI UNITA' D'ITALIA E ALTRO
Stampa | Invia E-mail
martedì 4 maggio 2010
Rai Educational è la struttura della RAI - Radiotelevisione Italiana che si occupa di didattica e di divulgazione scientifica e culturale attraverso la diffusione di programmi televisivi, autoprodotti o acquistati, su alcuni canali televisivi RAI.

Alcuni programmi di Rai Educational vanno in onda sui tre principali canali RAI: Rai Uno, Rai Due e Rai Tre. Quando ciò avviene un logo "Rai Edu" si alterna ripetutamente con quello del canale televisivo per segnalare la trasmissione Rai Educational.

Rai Educational dispone inoltre di due canali televisivi digitali e gratuiti con cui diffonde 24 ore su 24 i suoi programmi:
Rai Scuola e Rai Storia (già Rai Edu1 e Rai Edu2).

I palinsesti dei due canali sono così differenziati: Rai Scuola è dedicato alla didattica per la scuola primaria e secondaria di primo grado con insegnamenti che riguardano le lingue, le scienze e molto altro, Rai Storia invece è dedicato alla divulgazione scientifica e culturale con temi quali la storia, la filosofia, la letteratura, l'arte e la musica.
Insieme, i due canali, percorrono vari campi del sapere.


La struttura di RaiStoria inizia ora le celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia. La data ufficiale di avvio è il 5 maggio, in ricordo della partenza dei Mille da Quarto nel 1860.

Il 5 maggio 1860 iniziava l'avventura dei Mille a Quarto, e questa data segna l'inizio dei festeggiamenti per l'Unità d'Italia, con la deposizione di una corona d'alloro sulla stele commemorativa nella cittadina ligure da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il primo appuntamento sarà un viaggio per raccontare un Paese nato nel 1861. Minoli ricostruisce l'avventurosa storia di una nazione e di un popolo: spazio a immagini inedite, testimonianze dirette, documenti originali, dai moti carbonari alla breccia di Porta Pia e poi Garibaldi, Mazzini, Cavour e i Savoia. Il viaggio comincia con un gruppo di giovani, perchè giovane è l'idea dell'Italia unita e indipendente che ha animato il Risorgimento. Sono i giovani in camicia rossa, i Mille, i volontari della spedizione guidata da Garibaldi per liberare il Sud del Paese dal dominio dei Borboni.

Storia d’Italia regalerà i
mmagini inedite, testimonianze dirette, documenti originali: un percorso avvincente per capire di cosa parliamo quando parliamo dell’Italia. Un viaggio che prende il via dagli anni della Restaurazione. Le potenze europee, Inghilterra, Prussia, Austria e Russia, hanno sconfitto Napoleone. Dopo le conquiste di libertà e uguaglianza della Rivoluzione Francese, i sovrani europei si riprendono il potere e ridisegnano la mappa politica del continente. È il 9 giugno 1815. Il Congresso di Vienna chiude i suoi lavori.

Tutti i giorni alle 19 su Rai Storia, va in onda "150 anni dall'unità d'Italià": dal 1959, tutto quello che la tv ha raccontato sulla nascita del nostro Paese. Dal piccolo schermo le immagini, i servizi, i programmi che hanno raccontato un'epopea gloriosa della nostra storia.
Aprirà il ciclo delle nuove puntate la storia e la nascita del nostro Inno nazionale e del suo autore: Goffredo Mameli. "Fratelli d'Italia" è stato composto nel 1847. Il suo autore nato a Genova, muore a Roma nel luglio del 1849, a 22 anni, durante i giorni della Repubblica romana.
La seconda rievoca la commemorazione del Primo centenario dell'Unità d'Italia. 1961, Roma: telecronaca in bianco e nero del discorso di apertura delle celebrazioni tenuto dal terzo presidente della Repubblica Italiana (mandato 1955-1962) Giovanni Gronchi alla Camera dei Deputati.


 

Allegati