Iscriviti alla nostra Newsletter
Inserisci la tua e-mail e clicca su invia




Certificazione

Impianti elettrici
Stampa | Invia E-mail

(Rif. Leg. DPR 462/01)

In qualunque ambiente di lavoro circola una corrente di intensità almeno 500 volte superiore a quella considerata mortale dagli esperti.
Dall’entrata in vigore del DPR 462/01 in tutti i luoghi di lavoro in cui sono presenti lavoratori subordinati “il datore di lavoro ha l’obbligo di mantenere in efficienza l’impianto elettrico attraverso la manutenzione ordinaria e l’effettuazione delle verifiche periodiche di legge da parte di un Organismo abilitato”.

Il campo di applicazione del decreto riguarda le seguenti tipologie di impianto:

  • impianti di messa a terra;
  • dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche;
  • impianti elettrici nei luoghi a rischio di esplosione.

La periodicità delle verifiche è stabilita dal decreto stesso in base alla tipologia dell’impianto e del luogo di installazione e varia da 2 a 5 anni.

In caso di inadempienza sono previste sanzioni civili a carico del datore di lavoro, che possono diventare penali in caso di incidente.

CNIM è Organismo Abilitato all’esecuzione, ai sensi del DPR n.462 del 22 Ottobre 2001, di verifiche periodiche e straordinarie sulle seguenti tipologie di impianto:

  • Installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche;
  • Impianti di messa a terra relativi ad impianti alimentati con tensione fino a 1000 V;
  • Impianti di messa a terra relativi ad impianti alimentati con tensione oltre 1000 V;
  • Impianti elettrici collocati in luoghi di lavoro con pericolo di esplosione.

Le verifiche periodiche servono ad accertare che i componenti dell’impianto (cavi, dispositivi di protezione, quadri, LPS, ecc.), considerati singolarmente e nel loro insieme, mantengano i livelli di efficacia e di sicurezza stabiliti dalle norme CEI.

Operativamente si esplicano attraverso le seguenti fasi:

  • analisi della documentazione impianto;
  • esame a vista dei luoghi e dell’impianto;
  • verifiche strumentali (misure empiriche).

Al termine delle attività di verifica il verificatore rilascia una copia del verbale al datore di lavoro, il quale ha l’obbligo di conservarla e di esibirla, su richiesta, agli Organi di vigilanza.

Le verifiche straordinarie sono necessarie per accertare la conformità dell’impianto in particolari casi e precisamente a seguito di:

  • analisi della documentazione impianto;
  • esito negativo della verifica periodica;
  • modifiche sostanziali apportate all’impianto;
  • richiesta del cliente.

Rev.00

Allegati